L’educazione non formale degli adulti contribuisce a preservare il patrimonio culturale (o viceversa)

L’educazione non formale degli adulti contribuisce a preservare il patrimonio culturale (o viceversa)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Il progetto “Erasmus” + Strategic Partnership Adult Education Program “We Are Together to Raise Awareness of Cultural Heritage” (WAAT) mira a rafforzare ed espandere l’educazione non formale degli adulti offrendo un tema nuovo, intrigante e importante del patrimonio culturale e nuovi strumenti per promuoverlo. Primo risultato del progetto è una metodologia di nuova concezione per l’insegnamento non formale e l’apprendimento di quanto l’eredità culturale sia un elemento di primaria importanza, da preservare e tramandare anche attraverso video digitali.

I gruppi target del progetto sono sia le istituzioni che organizzano o svolgono attività di educazione non formale degli adulti e gli studenti stessi, sia le istituzioni relative al patrimonio. L’apprendimento del patrimonio culturale è importante per tutti, sia per coloro che sono coinvolti nell’educazione non formale che per i professionisti del patrimonio culturale che cercano il rinnovamento, cercano forme e metodi di lavoro più avanzati e comprendono l’importante ruolo del coinvolgimento pubblico e dell’educazione non formale nella promozione e diffusione del patrimonio.

Il progetto coinvolge istituzioni di 6 diversi paesi europei – specialisti dell’educazione non formale degli adulti, patrimonio storico e culturale, istituti culturali e di ricerca. ICARUS HRVATSKA, un’associazione senza scopo di lucro con sede nella capitale croata che ricerca fonti storiche e promuove la digitalizzazione degli archivi; EGInA SRL è un’agenzia privata di formazione e consulenza con sede a Foligno, Italia, con un team di project manager e una lunga esperienza nella preparazione, presentazione e realizzazione di progetti comunitari; Multidisciplinary Institut für Europa-Forschung Graz (MERIG) è un istituto di ricerca multidisciplinare con sede a Graz, in Austria; Centro de Educación de Adultos de Olmedo – Centro di educazione degli adulti a Olmedo, Spagna; Quiosq è un’associazione senza scopo di lucro con sede ad Amsterdam, nei Paesi Bassi, la cui missione è educare il pubblico sull’importanza e la promozione del patrimonio culturale.

I risultati del progetto sono due prodotti intellettuali. 1. Lo sviluppo di una metodologia di insegnamento e apprendimento non formale (guida) per i professionisti dell’educazione non formale degli adulti non per chiarire e aiutare a comprendere i 4 aspetti del patrimonio culturale. La guida presenterà anche un’istruzione dettagliata per la creazione di film rappresentativi per il patrimonio, insegnerà le sottigliezze pratiche della diffusione del patrimonio e presenterà in dettaglio la piattaforma digitale – la sua idea e struttura, i parametri tecnici. 2. La piattaforma digitale WAAT utile, facilmente accessibile e facile da usare (www.waatproject.eu) sarà pubblicata e riunirà una vasta gamma di comunità culturali impegnate nel patrimonio e nell’educazione non formale.

Al progetto si sono uniti (durante le attività locali) una vasta gamma di istituzioni e organizzazioni il cui campo di attività o campo di interesse è l’educazione non formale degli adulti e/o il patrimonio culturale. Oltre alle loro attività dirette, tutte le istituzioni coinvolte nel progetto sono anche interessate all’educazione non formale. Come il Centro di formazione e formazione per insegnanti di lingue, rappresentanti EPALE, docenti universitari (Spagna), centro di informazioni turistiche, centro culturale, comune distrettuale, organizzazioni culturali non governative (Lituania), musei locali, studio di canto popolare, consulenti aziendali e ricercatori (Austria, Italia, Paesi Bassi) e singoli studenti adulti in tutti i paesi. In totale – oltre 150 persone. Già ai primi incontri con gli stakeholder locali, la rilevanza del tema e dell’idea del progetto è diventata chiara durante la presentazione del progetto. Gli italiani, ad esempio, hanno sottolineato l’obiettivo del progetto di educare il pubblico e trasmettere l’importanza del patrimonio culturale alle generazioni future. Secondo loro, è molto importante guidare e motivare un legame particolarmente importante in questo processo – educatori, educatori – per insegnare, prima di tutto, la propria comprensione del patrimonio culturale e per offrire al loro processo di insegnamento nuove conoscenze e forme innovative. Gli italiani hanno accolto con favore l’opportunità offerta dal progetto di combinare gli sforzi, le conoscenze e l’esperienza dell’educazione non formale degli adulti, dei professionisti del patrimonio e degli istituti di ricerca per sviluppare la consapevolezza dell’importanza dell’educazione non formale, sviluppando nuovi sistemi e forme di diffusione e insegnamento (ad esempio pratiche e metodologie di produzione del patrimonio). Gli olandesi hanno sottolineato che il progetto espanderà le aree e i confini della percezione del patrimonio, con un’ampia rete di educazione non formale che si unirà al progetto. È stato evidenziato il contributo specifico molto significativo degli attori locali al progetto. Ad esempio, l’ambasciatore EPALE in Spagna si è offerto di contribuire alla diffusione del progetto condividendo un link e fornendo spazio virtuale per i documenti del progetto.

Il progetto ha anche evidenziato le aree problematiche nell’educazione degli adulti. L’importanza e il potere dell’educazione non formale degli adulti non è ancora pienamente compreso. Le istituzioni, in questo caso i beni culturali, sono spesso riluttanti a cercare l’unione e la cooperazione con il pubblico, evitando “carichi di lavoro aggiuntivi”. I professionisti nel settore dell’educazione non formale degli adulti spesso mancano di ingegno e conoscenza, coinvolgendo professionisti di altri campi nel processo di insegnamento, senza osare affrontare argomenti più diversi e complessi. Il lavoro di squadra è un altro problema che è emerso. L’incapacità di lavorare insieme e comunicare spesso distrugge anche le idee più belle e ostacola il lavoro più importante.

La nuova metodologia di insegnamento e apprendimento non formale sviluppata durante il progetto (guida) sarà di grande aiuto sia per i professionisti che per gli studenti stessi. La Guida è stata sviluppata insieme dall’intera comunità internazionale del progetto: discutendo e condividendo esperienze, negoziando. Inoltre, forti professionisti nei loro campi sono stati coinvolti nel progetto (e nello sviluppo del prodotto). Ad esempio: Annebel Huijboom, docente presso l’Università delle Arti di Amsterdam, documentarista, Bianca Bisiach dall’Italia, specialista esperta in narrazione digitale, creazione / editing video e altri.

Lo stesso approccio all’educazione non formale degli adulti e al patrimonio culturale è cambiato. Incontri e discussioni tra i partner e i partecipanti al progetto, trasmissioni a distanza, aperte a tutti coloro che erano interessati, formavano un modo di pensare diverso, più libero e più ampio. Non solo i confini del patrimonio, ma anche i confini del concetto di educazione non formale si sono ampliati – diventano più chiari, più comprensibili e più vicini – a fenomeni con i quali siamo diventati sempre più coinvolti di quanto abbiamo visto finora. Il progetto ha fornito l’opportunità di toccare e testare in modo specifico il processo creativo di apprendimento e insegnamento – insegnato a discutere, sollevare problemi, analizzare, testare praticamente le sottigliezze del cinema.

La piattaforma digitale creata contribuirà a raggiungere i più vasti pubblici con maggiore forza e voce, consentendo alle comunità locali in Europa di promuovere le loro attività e presentare i loro valori culturali. Il progetto era ed è particolarmente importante per le piccole comunità di città e villaggi. Hanno avuto e hanno l’opportunità di partecipare a un progetto di questa portata, di comunicare e lavorare insieme a professionisti di alto livello, partner di progetto all’estero. Le nuove conoscenze acquisite e le competenze pratiche estremamente utili non solo li aiuteranno a lavorare con maggiore successo nel loro campo, ma rafforzeranno anche la loro fiducia e la convinzione nell’importanza della loro attività/ lavoro.

Maggiori informazioni sul Progetto: www.waatproject.eu

Progetto di partenariato strategico Erasmus + “Siamo tutti insieme per aumentare la consapevolezza” (WAAT), n. 2020-LT01-KA204-077823.

Le informazioni fornite da Gintarė Gurevičiūtė-Gailė, coordinatore del progetto, responsabile delle attività culturali della biblioteca pubblica di Plungė.

 

Ti potrebbe interessare